30 marzo 2015

Gocce di rugiada



Qualche giorno fa,
era mattina piuttosto presto,
il musetto di una delle mie gatte è spuntato
sul davanzale della finestra.


Di ritorno dalla sua prima ricognizione giornaliera,
chiedeva, lanciandomi occhiate perentorie,
di aprire la finestra
per farla entrare.
Naturalmente è stata subito accontentata,
ma mentre saltava sulla sedia
per poi rivolgermi il suo buongiorno-miao,
mi sono accorta che qualcosa brillava
in mezzo al pelo, tra le orecchie.


Alcune gocce di rugiada
erano rimaste intrappolate nel suo manto
e ora rilucevano come piccole perle.
Inutile aggiungere che in questo modo
il musetto peloso sembrava insieme
molto poetico e buffo ;)


Tuttavia l'immagine,
l'idea delle gocce di rugiada
mi è rimasta in mente
e mentre cercavo ispirazione per la ghirlanda primaverile di quest’anno,
ho pensato che sarebbe stato bello
richiamare questa idea nel decoro.
Ma come fare?


L'illuminazione è arrivata qualche giorno dopo,
mentre leggevo l'ultimo post del blog di Donata,
Donata lavora il fil di ferro
trasformandolo in vere e proprie poesie
da guardare e toccare
e nell'ultimo post ha immortalato una sua creazione che mi ha incantato:
una libellula con delle perline incastrate tra le ali.


Ecco!, ho pensato.
Adesso ci provo anch’io.
Un paio di giornate di lavoro
e sono riuscita a mettere insieme
libellule,
farfalle,
fiori,
gocce di pioggia e sole
Tutti gli elementi della ghirlanda sono in fil di ferro
(e anche filo d'ottone),
ma soprattutto hanno perline sparse qua e là,
come minuscole gocce di rugiada
rimaste incastrate
tra le ali eteree di libellule e farfalle,
e nelle corolle dei fiori.


E perché gocce di pioggia e sole?
È che mentre pasticciavo con il ritaglio di un filo d'ottone,
mi è nata tra le mani proprio una goccia.
Così ho pensato di aggiungere una nuvoletta bianca,
adorna di una leggera pioggerella primaverile,
e un sole che spunta alle sue spalle,
intessuto di gocce dorate,
pronto a risplendere
e ad accendere scrigni di luce
quando sfiora
la rugiada accoccolata
tra l'erba di un prato
in un mattino di primavera ...


Benvenuta primavera!

Buona settimana

14 commenti:

  1. Il fil di ferro è quasi come il Pongo, a proposito di cari oggetti vintage... plasmabile, magico, versatile, segue le nostre mani e asseconda le forme della nostra fantasia! E' bello fare spille, fermagli, segnalibri, segnaposti e animali primaverili che curiosi annusano l'aria e vanno a posarsi sui primi fiori sbocciati...
    La rugiada è una lacrima positiva, quella che scende per l'emozione... io la vedo così... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Seguire la fantasia e l'ispirazione è proprio quello che è successo ... ed è stato molto divertente (anche se le mie dita, tra graffi vari, non sono proprio d'accordissimo ;) )!
      La rugiada è una perla, una lacrima, un piccolo scrigno ... secondo me è magica :)

      Elimina
  2. Man mano che scorrevo le foto non vedevo l'ora di arrivare alla creazione finale :)
    Devo dire che il fiorellino, quello della prima foto, mi ha conquistata più di tutto, non so perché. Me lo immagino anche su una spilla o tra i capelli.
    E poi mi sono persa per un attimo, come succede spesso, nella poesia del tuo post.
    Buon martedì :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che avevo pensato anch'io che si potrebbe farne una spilla? Credo sia una bella idea anche quella di una molletta per capelli (mi hai fatto venir voglia di provare ;) )!
      Grazie Giulia,
      buona settimana!!!

      Elimina
  3. Wow! Davvero bella questa ghirlanda! Ogni piccolo particolare è tremendamente poetico ed il risulatato finale lascia senza fiato. Ottimo lavoro davvero ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!!!
      Ho provato a giocare coi particolari e l'effetto finale non mi dispiace (anche se secondo me le farfalle e soprattutto le libellule un po' si perdono perchè hanno quasi lo stesso colore del legno) :)

      Elimina
    2. Ma è proprio così in natura: per scorgere le creature più piccole devi saper guardare ;)

      Elimina
  4. non è una ghirlanda, è una poesia! Complimenti!
    lori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lori,
      grazie!!!
      D'altronde la primavera è poesia ... ;)

      Elimina
  5. Ho una sola cosa da dirti: sei un genio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Manu,
      non dirmi così, sono rossa come un pomodorooooooo ;)
      Grazie!!!

      Elimina
  6. Mamma mia ma che meraviglia, mi spiace per i tuoi alunni (ma secondo me sei favolosa anche come insegnante) ma qui si nasconde una super creativa, dovresti venderli, sono splendidi, un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come puoi ben immaginare, quando le due cose si incontrano - creatività e bambini (e, nonostante tutto, non è così scontato) - possono saltare fuori cose ed esperienze molto interessanti e sono molto contenta quando accade!
      Grazie Ely,
      un bacione!!!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...