26 ottobre 2014

Around the world blog hop



Com’è andata la vostra settimana?
Perché la mia è stata orribile,
semplicemente orribile.
Ma dato che questo momento nero non vuol passare
(sospetto ci sia una congiunzione astrale negativa
che ce l’ha con me),
evitiamo di disquisirne e passiamo ad altro.

designed and hand made by me

La settimana scorsa la bravissima Manu,
mi ha invitato a partecipare
all’Around the world blog hop.
Ora, in genere non sono molto brava con tali iniziative,
ma questa mi sembra carina,
soprattutto perché permette di conoscere un po’ meglio
chi sta dietro ad un blog,
e così ho deciso di partecipare
cercando di fare del mio meglio
(ma non garantisco niente) ;)


L’idea è quella di rispondere ad alcune domande
e poi di “passare la palla” ad altri blog.
Ecco le domande:

A cosa sto lavorando?
A niente in particolare al momento.
Mi piacerebbe poter dire
che sto già preparando qualcosa per il Natale,
ma non è vero.
Diciamo che seguo l’onda dell’ispirazione
(o delle richieste, se ci sono).
La settimana scorsa un’amica si è laureata
e siccome, come me, ha la passione per la fotografia … e per i gatti,
le ho confezionato un album portafoto gattoso,
perché sono dell’idea che le foto debbano essere stampate :)


Perché faccio ciò che faccio?
Principalmente perché,
per quel che mi riguarda,
è una grossa valvola di sfogo.
Mettermi a progettare un oggetto,
fare schizzi,
buttar giù le prime misure, regolare,
decidere gli eventuali decori
(e, nel caso, realizzarli, come lo stampino-gatto per fare
il retro dell'album fotografico),
scegliere le stoffe
richiede tempo e concentrazione
e mi aiuta a distrarmi da altre cose.
Poi, ovviamente,
perché mi piace,
mi piace dar sfogo alla creatività
e mi piace mettermi alla prova ;)


Come funziona il mio processo creativo?
Lo so, più o meno ho già risposto nella domanda precedente.
Posso solo aggiungere che prima di tutto,
girando per negozi, vagabondando sul web,
 oppure perché mi serve qualcosa, o ancora mentre leggo un libro, faccio lezione, ...,
nasce l’idea (o le idee):
allora, se sono brava,
me la appunto da qualche parte
(ovunque, ne ho una scritta sulla bustina di una tisana),
altrimenti cerco di tenerla a mente
(con il risultato che in genere me ne dimentico almeno la metà …).


Poi, quando ho tempo,
recupero carta e penna e faccio uno schizzo.
Quando sono più o meno soddisfatta
comincio a estrapolare le varie parti di cui è composto l’oggetto
e a stabilire le misure.
Una volta deciso il tutto
passo a scegliere le stoffe
e poi alla realizzazione vera e propria.
In tutto ciò sono sempre fondamentali
un sottofondo musicale e una bella tazza di te!


Questo è quanto,
spero di aver risposto bene ;)
Per quanto riguarda i blog,
ce ne sono tanti che ammiro
e come al solito non so scegliere!
Perciò vi invito, se avete un po' di tempo
e avete voglia di ammirare
e leggere post interessanti
(su creatività, illustrazioni, cucina, fotografia, cucito, …),
a dare una scorsa al blogroll a lato:
tutti i blog presenti sono veramente bellissimi!!!

Buona settimana

P.S.: non sono brava a far andare avanti queste iniziative, I'm sorry, I'm sorry :(

P.P.S.: la scritta che si vede nella penultima foto,
e che ho usato per creare una composizione insieme ad alcune mie foto,
 è la parte finale di una bellissima poesia
di Roger McGough!

19 ottobre 2014

Sulle tracce di ...



Una nebbia compatta avvolge ogni cosa.
Bianche, 
lattiginose volute 
si gonfiano intorno alle case, agli alberi, sui campi.


Solo il gocciolio di un’umidità pesante rompe il silenzio mattutino.
Pian piano il sole riesce ad aprirsi un varco tra i vapori,
la nebbia si alza e lascia intravedere i passi percorsi da Autunno.


Sono ancora pochi e incerti.
Su una foglia una pennellata di giallo,
un tocco di rosso su un’altra,
un fungo qui,
là lo scricchiolio di foglie secche sotto il passo furtivo di un gatto.


Cercavo Autunno, in questi giorni.
Anche oggi ci ho provato.
Ma ho fatto fatica a trovarlo.
Dicono che martedì si farà vivo,
vedremo …


E siccome l’autunno, ormai, è qui da un mese
(anche se non si direbbe),
naturalmente non potevo non preparare una ghirlanda autunnale.
In realtà è già un po' che è appesa davanti alla porta,
ma ho aspettato a mostrarla perché,
se devo essere sincera,
non mi convince del tutto.
Mi piace
(soprattutto mi piacciono i dischi di legno che ne costituiscono la base)
ma non so, c’è qualcosa che non va.


Ho cercato di sistemarla,
ma si vede che non vuole riuscire,
non a me, perlomeno
(secondo me sto facendo come questo strano autunno:
non ingrano!!!).
Perché, in effetti, non è certo difficile da fare.
Vi servono solo dischetti di legno,
colla a caldo
ed elementi autunnali per la decorazione.


Io poi ho aggiunto un paio di fiorellini di carta
(fatti con la tecnica che trovate spiegata ad esempio qui),
una perlina di legno infilata su un pezzo di fil di ferro arrugginito
e un pezzo di stoffa per legare i rametti di quercia e olmo
(adoro quelle foglie verdi venate di giallo).


Se qualcuno pensa di provare a farla,
sicuramente riuscirà meglio di me
e magari io riuscirò,
ammirando il risultato,
a capire cosa non va nella mia ;)

Buona settimana 
(aspettando ancora Autunno …)

12 ottobre 2014

Tra mele, noci e cannella



Sono ammalata.
Più o meno.
Un gran bel raffreddore e tutto il suo corollario.
In questo momento la testa pulsa piacevolmente
e l’orecchio destro gradirebbe molto staccarsi
e prendersi una vacanza ristoratrice.


Non so perché, ma negli ultimi anni non appena ricomincio la scuola mi ammalo.
L’anno scorso poi, ho polverizzato ogni record,
ed ero già ammalata alla fine della prima settimana di scuola!
Ma non ho voglia di pensare a malanni e quant'altro,
ho voglia di autunno,
dei suoi colori,
dei suoi profumi
e dei suoi sapori.


Questa mattina, dunque, ho fatto un esperimento
che è riuscito perfettamente
e ho pensato di proporvelo:
fettine di mele essiccate alla cannella
(che ho accompagnato con biscotti
di pastafrolla alle noci).
… Immaginatevi il profumo che usciva dal forno
mentre le mele si essiccavano e le noci si tostavano …


Girovagando in rete avevo visto diverse versioni di questa ricetta,
ma tutte, bene o male, richiedevano tempi di cottura
piuttosto lunghi (tipo 5 o 6 ore o molto di più se fatte essiccare al sole).
E così ho finito col tergiversare,
finché stamattina non mi sono decisa a provare una mia versione
(che ovviamente richiede tempi più brevi
… si è capito che non sono una persona molto paziente?).


Ingredienti:
2 mele (le mie erano mele campanine)
zucchero di canna e cannella per spolverizzare
Procedimento:
Pulire accuratamente le mele (se non sono trattate si può lasciare la buccia, altrimenti è meglio toglierla),
rimuovere con l’apposito attrezzo (o con un coltellino) la parte centrale
e farne delle fettine molto sottili (io ho usato l’affettatrice e le ho tagliate ad uno spessore di circa mezzo centimetro).
Disporre le fettine su teglie antiaderenti e spolverizzarle con zucchero di canna e cannella in polvere.
Infornare a 125-130° C con forno ventilato.
Durante la cottura aprire il forno alcune volte, per far uscire l’umidità,
e quando il lato superiore delle fettine si è un po’ scurito, girarle.
La cottura sarà ultimata quando anche l’altro lato sarà scurito
(io ho impiegato circa 45 minuti).


Il risultato?
Fettine di mela croccanti e profumate di cannella,
decisamente una tira l’altra!
Penso che domani, insieme a qualche biscotto alle noci,
me le porterò a scuola per merenda ;)
E visto che,
a parte la cottura,
sono molto veloci da fare
(e quest’anno il melo ha lavorato tantissimo e non sappiamo più dove mettere tutto il raccolto),
stavo meditando di adattare questa ricetta
e, una volta pronte le fettine,
pensavo di spezzettarle
e conservarle in un barattolo di latta,
pronte per essere aggiunte
ad un qualche te o tisana …


Che ne pensate?
Secondo me dovrebbe funzionare :)

Buona settimana

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...