30 marzo 2014

Portafoto pasquale



Rispetto all'anno scorso, quest'anno sono in anticipo :)
Per cosa?
Per mostrarvi che cosa faremo con i miei bimbi come pensierino per Pasqua!
(qui potete trovare quello dell'anno scorso)
È un'idea che ho rubato sul web;
da quello che ho capito dell'immagine, si trattava, in origine, di un segnaposto.


Un segnaposto a forma di pecorella
(sì, pretendiamo che sia un agnello pasquale!)
che ho pensato di trasformare in un simpatico porta-biglietto pasquale
il quale può poi essere riciclato come portafoto!
Volete provare a farlo?


Premessa: … volevo fare un foto -tutorial,
ma esattamente dopo la foto del materiale
(che come potete vedere comunque è pessima)
la batteria mi ha lasciato a piedi
… questo la dice lunga su quanto sono sveglia ultimamente ;)
Ad ogni modo non è un lavoro complicato. Vi servono:
due mollette (di legno sarebbe meglio, altrimenti di plastica, possibilmente chiare;
con i bimbi userò queste ultime),
colore acrilico panna e nero,
bastoncini di ovatta (ma con i bimbi userò il cotone;
probabilmente si potrebbero  usare anche le perline di carta pressata),
cartoncino
colla (suggerisco la colla a caldo, anche se a scuola non potrò usarla),
forbici, matita, pennarello nero, pastello rosso.


Innanzi tutto dipingere le mollette interamente con il colore panna e,
una volta asciutto, usare il nero per evidenziare i piedi
(attenzione che le mollette verranno usate al contrario, perciò i piedini vanno disegnati sui "manici"). Disegnare sul cartoncino e ritagliare una forma ovale proporzionata alle mollette-zampe,
tagliare i bastoncini di ovatta alla base (in modo da eliminare il bastoncino)
e cominciare ad incollarli, sovrapponendoli, sul cartoncino stesso.
Riempire tutto lo spazio.


Su un altro pezzo di cartoncino ritagliare il muso,
utilizzare due bastoncini di ovatta incollandoli in cima per formare le orecchie.
Disegnare gli occhi, il naso e la bocca con un pennarello nero
e abbozzare le guance con il pastello rosso.
Incollare la testa sul corpo
et voilà: il porta-biglietto/portafoto è pronto!


Che ne dite? 
Mi sembra un'idea simpatica … i miei bimbi non vedono l'ora di attuarla ;)

Buona settimana

23 marzo 2014

Welcome Spring



Tre giorni fa è ufficialmente iniziata la primavera
(qui ormai è quasi un mese che ci barcameniamo tra clima da fine marzo
e piogge da primi d'aprile)!


E quale modo migliore per salutare la nuova stagione
che una bella ghirlanda dai toni pastello?


Alcune rose in tessuto bianco e rosa antico,
foglie verde pallido
e farfalline di carta
su una ghirlanda intrecciata dalle potature di vite,
poi sbiancata con un po' di acrilico panna.


Se volete provare a fare qualcosa di simile,
qui trovate il tutorial per la rosa con la fogliolina (basta farla più grande),
mentre stampe vintage di farfalle potete trovarle su GraphicsFairy
(le mie vengono però da questo bel post su Shabby soul).


Non sono molto in forma
e spero che la nuova stagione possa portare,
oltre che tempo bello,
pensieri migliori.


Perciò scusate per il post un po' stringato.
In compenso ci sono un po' di foto (forse un po' troppe) …
si capisce che mi sono divertita a fotografare la mia nuova ghirlanda? ;)


Buona settimana

16 marzo 2014

Ciò che resta



And the tears come streaming down your face
When you lose something you can't replace
Coldplay, Fix you



9 marzo 2014

Prendi un timbro e un paio di vecchie scarpe ...



Vi ricordate i timbri di legno
che vi avevo mostrato in questo post?
Post nel quale avevo affermato
di avere già qualche idea su come usarli …


Ebbene una di queste idee
che proprio da allora girava nella mia testa,
ma che ancora non aveva trovato realizzazione,
finalmente è stata messa in atto :)


Ok, ok, è una stupidaggine …
anzi qualcuno potrebbe pensare che sia quasi un'eresia ;)
Comunque, considerando che ultimamente, causa pioggia e tempo non proprio dei migliori,
le sto usando poco,
non ho saputo resistere:
ho preso le mie All Star,
colore nero per stoffa
e questi timbri che mi piacciono sempre di più …
e mi sono data alla decorazione pazza!


E così, ecco qui le mie vecchie scarpe un po' rinnovate!
Di sicuro adesso sono uniche ;)
e pronte per la primavera imminente!


Che ne dite, vi piacciono?

Buona settimana!


2 marzo 2014

Quando incontri un gatto nero grande e grosso



«Ma Zorba,
che all'epoca sembrava una pallina di carbone,
abbandonò la cesta.
Voleva assaggiare una di quelle teste di pesce.
E anche vedere un po' di mondo.»
L. Sepúlveda,  Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare

Questa settimana abbiamo portato i bimbi a teatro.
È un'attività che mi piace molto,
anche se in genere finisco col rimanere delusa
o dall'interpretazione (non so se il motivo sia che essendo spettacoli per bambini
non vengono molto curati o se proprio sono gli attori che sono terribili …)
o dal comportamento dei bambini.
Ma questa volta è andata bene.


Vuoi per la bravura dell'attore
(che da solo ha interpretato tutte le parti),
vuoi per la bellezza della storia,
lo spettacolo è stato molto carino …
e i bambini l'hanno seguito dall'inizio alla fine
(… la maggior parte ;) )!
Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare di Sepúlveda
è una favola che mi piace sempre molto,
l'ho usata alle elementari (per i bambini è perfetta),
l'ho letta insieme a ragazzi delle medie (perché, come le storie migliori,
si presta a molteplici letture e livelli di lettura).


Ma non l'avevo mai vista rappresentata a teatro,
soprattutto con un unico interprete per tutti i personaggi.
Forse è stato proprio questo che ha tenuto viva l'attenzione dei bambini,
nessuna distrazione,
una sola figura sul palco da seguire.
Ebbene, a parte qualche rara eccezione,
l'uscita è stata un successo!


Così, per concludere degnamente questa settimana,
o per cominciare la nuova col piede giusto ;),
vi propongo la ricetta delle Rose del deserto,
un dolce che, a casa mia, viene fatto a carnevale,
perciò adattissimo a questi giorni!

Per circa 30 biscotti
100 g di burro
75 g di zucchero
1 uovo
100 g di farina
50 g di fecola
1 bustina di vanillina
1/2 bustina di lievito
100 g di uvetta sultanina (può essere sostituita con 100 g di gocce di cioccolato)
corn flakes per ricoprire

Mettere tutti gli ingredienti in una ciotola e amalgamarli. Con l'aiuto di un paio di cucchiai, suddividere l'impasto in tante palline della dimensione di una noce circa e rotolarle nei corn flakes finché non siano ben ricoperte. Disporre i biscotti su una teglia ricoperta di carta forno, abbastanza distanziati, e infornare a 180° per 15 - 20 minuti.


Io adoro questi biscottini dalla superficie croccante e dal cuore morbido :)
Bene, 
penso che andrò a rileggermi per l'ennesima volta un certo libro ;)

Buona settimana!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...