15 giugno 2014

A Hard Day's Night



«It's been a hard day's night
And I've been working like a dog
It's been a hard day's night
I should be sleeping like a log»
Beatles, A hard day's night, 1964

Sì, perché uno pensa: - La scuola è finita e finalmente sono libera! -
(soprattutto considerando il fatto che, essendo precaria, 
vengo licenziata l’ultimo giorno di scuola …), 


salvo poi ritrovarsi mille cose da fare giusto la settimana successiva,
tra scrutini, decisione dei voti finali,
compilazione del registro (lo so che si tratta di un semplice cumulo di carte,
ma posso assicurare che, per quanto mi riguarda, in questo periodo dell’anno
è in grado di suscitare terribili terrori notturni e, tanto per andare sul sicuro, anche diurni),
consegna delle schede (che in effetti non dovrebbe riguardarmi,
ma alla quale finisco per partecipare perché, insomma, dopo un anno di scuola …).
Cioè davvero a hard day’s nights … se mi si passa l'espressione ;)


- Ad ogni modo il titolo ha un ulteriore scopo -

Ma andando con ordine, e volendo esaurire il discorso scuola (ma esaurirlo sul serio),
questa settimana ho anche preparato un piccolo pensiero per la mia collega,
quella che quest’anno ha avuto la sfortuna di ritrovarsi me in classe e la forza di sopportarmi ;)
Come già lo scorso, anche quest’anno ho pensato ad un astuccio da borsa,
ma in una forma differente. 


Si tratta di una piccola busta che può contenere due o tre penne
e che si chiude come un portadocumenti,
esattamente come la custodia che mi sono fatta per il Kindle (qui; sì, quando faccio qualcosa che mi piace finisco col ripeterlo mille volte).
Ho usato una stoffa a pois che mi piace molto,
un nastrino e un paio di bottoni: la forma è più semplice di quella dell’anno scorso (che potete trovare qui), però mi piace lo stesso!


Ora, tornando al titolo,
si riferirà solo a giorni un po’ frenetici?
 Ovviamente no!
Mercoledì sera, infatti, sono andata al cine a vedere A hard day’s night!!!
Dopo averlo tutto risistemato, digitalizzato, rimasterizzato e tutti gli -ato che potete immaginarvi,
lo hanno proiettato, solo per tre sere,
e devo dire che è stato proprio bello vederlo sullo schermo grande di un cinema!
Io e una mia amica non abbiamo fatto altro che canticchiare sottovoce tutte le canzoni del film,
mentre ammetto di aver sghignazzato come una matta a certe trovate
(dico solo una cosa: il nonno di Paul McCartney).
Il film è ricco di nonsense, di ripetizioni, di cliché sull’essere famosi
che se adesso sono dei classici all’epoca dovettero sembrare piuttosto curiosi
(il film segna la nascita del cosiddetto fenomeno della beatlemania:
orde di ragazzine che inseguono i loro idoli, che urlano e si strappano i capelli ai concerti)
… e poi ah, gli anni ’60!


Insomma, una bella serata :)

Ultimo, ma non meno importante, guardate chi è spuntato in giardino sabato mattina?
Una micina color antracite!
Dolcissima e superaffettuosa, quasi sicuramente è stata abbandonata:
è troppo abituata alla presenza dell'uomo per essere selvatica.
L'abbiamo raccolta, ripulita e dato da mangiare.
Ero già un po' preoccupata per cosa fare,
ma alla fine, entro sera, siamo riusciti a trovarle una casa e una famiglia!
Un ottimo modo per concludere la settimana, non trovate?


Buona settimana!

8 commenti:

  1. I tuoi post sono sempre bellissimi, non sbagli un colpo ;-)

    RispondiElimina
  2. Post bellissimo! E poi la micina...da ricoprire di baci!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giulia!!!
      Proprio :) E poi dovevi sentire che fusa! Sembrava un piccolo trattorino ;)

      Elimina
  3. Sorvoliamo sul fatto che appena ho visto la micina e leggevo quasi mi commuovevo perchè son fatta così, i gatti abbandonati e lasciati ai pericoli vorrei salvarli tutti... brava che gli hai trovato affetto e una casa, anche se speravo la tenessi tu! :D O serve fidanzatina per Ulisse?!
    Sai che non l'ho visto questo film? Ma posso rimediarlo, soprattutto se lo consigli tu! A parte che amo già la locandina, così vintage...
    Spero che un po' di calma arrivi presto, quando la scuola sarà davvero finita non solo sul calendario ma anche come impegni! Così puoi ritentare col clafoutis! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un po' di vera calma ci vuole davvero ... anche per riprovare con il clafoutis (secondo me sbaglio la cottura) ;)
      Appena ho visto la micina ho pensato di tenerla, ma le mie gatte non erano proprio d'accordo (credo si siano anche un po' offese perchè le abbiamo riservato molte attenzioni); comunque la famiglia che l'ha accolta sono degli amici: sono già d'accordo di andare a trovarla sabato :)
      A Hard Day's Night è molto bello, ma particolare (secondo me ha molte carattestiche da film muto e il classico humour inglese), però penso proprio che ti possa piacere!
      Se vuoi portare Ulisse a conoscere Tracy (è il nome che hanno dato alla micina) e, non so, portare un clafoutis, io mi offro come chaperon e faccio le presentazioni ;)

      Elimina
  4. Ricevere un regalo da una collega è una cosa bellissima... ricevere un regalo Handmade è una cosa superlativa ^_^
    Vedendo la foto della micia credevo fosse una newentry in family... ma l'importante è che abbia trovato una casa dove sarà amata, coccolata e naturalmente straviziata!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!!!
      La micina è straviziata: è già diventata la padroncina della sua nuova casa ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...