4 gennaio 2014

Quattro chiacchiere su cinema ... e teatro



Dunque, innanzi tutto BUON ANNO!!!
Finalmente sono riuscita a trovare un po’ di tempo da dedicare al blog, dopo abbuffate varie, ritrovi di parenti e cene con amici. 
Dopo tutti questi pantagruelici pasti non mi resta che prendere in considerazione il solito proposito della dieta …
facciamo che comincerò a pensarci da martedì prossimo ;)
E voi, come avete passato le vostre feste?
Tra pranzi, cene e incontri con persone che non vedevate da tempo?
(a me è successo anche questo ed è stato bello!).


Ma ora, tanto per prenderci il tempo per digerire,
che ne dite di due chiacchiere su passatempi non prettamente festivi,
ma che durante le feste natalizie ci stanno proprio bene?
Parliamo di cinema?
Premessa: post chilometrico :)
Ultimamente sono andata a vedere un paio di film … e mi sono rifiutata di vederne un altro ;)
Si sa, durante le vacanze c’è più tempo e si è anche più ispirati,
ma sinceramente sono rimasta piuttosto delusa.


Sono andata a vedere I sogni segreti di Walter Mitty e, nonostante una bellissima fotografia e paesaggi incredibili di Groenlandia, Islanda e Himalaya, ho trovato il film proprio piatto, privo di mordente, privo di quella scintilla che infiamma e fa scoprire (o riscoprire) quel qualcosa che alla fine della visione ti fa pensare che ne è valsa la pena.
Mitty è un uomo che vive nei suoi sogni e improvvisamente impara a vivere davvero: basta il trailer per capirlo e la visione non regala nulla più
(… e poi sì, lo ammetto, non mi piace Ben Stiller).


L’altro film che ho visto, invece, è Philomena.
Questo è stato decisamente più interessante, vuoi perché tratto da una storia vera, vuoi per la bella interpretazione della Dench, ma nonostante tutto anche qui mi è sembrato che mancasse come qualcosa, non lo so …
La storia è interessante (una madre, ormai anziana, alla ricerca del figlio
sottrattole quando era poco più di una ragazzina),
ma ho come avuto l’impressione che le motivazioni e soprattutto i raccordi tra i vari momenti (specialmente all’inizio, tra la decisione di rivelare di avere un altro figlio, quella di volerlo cercare, quelle dello scrittore coinvolto, con un voltafaccia talmente repentino che va bene i tempi filmici, però!) siano stati un po’ raffazzonati.
Ciò che invece mi è piaciuto molto è stata proprio la figura di Philomena che, nonostante quello che ha passato, con una semplicità disarmante, sa perdonare e dimostrare un’accettazione positiva per ciò che la vita le riserva che mi sembra sottintendere un profondo amore.
È una donna che sa fare i conti con la vita, non si piange addosso.


Ovviamente, sebbene mi sia stato proposto diverse volte,
non sono andata a vedere il secondo film de Lo hobbit.
Non posso neanche dire “film tratto dal libro” perché, stando a quel che mi hanno detto coloro che l’hanno visto, questo secondo è proprio una grande, gigantesca parentesi completamente campata in aria.
Sì, spettacolarità a palate (mi dicono che sia il miglior 3D prodotto sinora),
fotografia magnifica
e trama, … eh, questa grande sconosciuta :)
OK, ok la smetto perché tanto non l’ho visto e qualcuno potrebbe giustamente obiettare che non posso essere obiettiva … 
(per le motivazioni per cui non ho visto questo e il precedente film vedere questo post)!


Devo dire che è molto che non esco dal cinema pienamente soddisfatta,
è proprio tanto che non mi gusto un bel film al cinema.
Mi sembra che negli ultimi tempi si punti molto sulla spettacolarità
e proprio poco sui contenuti e su una trama ben strutturata …
Forse è solo una mia impressione, 
devo anche dire che sono piuttosto difficile, ma è così che mi ritrovo :(


Ma non è finita. Un po’ di tempo fa, all’inizio di dicembre, mi sono lasciata tentare.
Avevo scoperto, troppo tardi aimè, che in alcuni cinema davano delle registrazioni di pièces teatrali del National Theatre di Londra, in occasione del cinquantesimo anniversario della sua nascita.
Ecco, lo so che concretamente si tratta di teatro e non di cinema, ma quella sera, alla fine, dopo due ore filate (non c’era intervallo) di spettacolo in inglese (con sottotitoli in italiano, ma la recitazione era perfetta e si capiva molto bene), ecco io ero semplicemente a bocca spalancata, talmente tanto assorbita e presa dalla storia (e dalla recitazione!!!), che non mi sono nemmeno accorta che fossero già trascorse due ore.
Trama: presente;
scenografia: curata;
musiche: sottolineavano perfettamente i vari momenti della storia;
recitazione: perfetta. Cioè su quel palco c’era gente che sa recitare, davvero!
Specialmente i due protagonisti.
Ho assistito ad un reale calarsi nella parte: non so come definire diversamente un attore che per 8-10 minuti buoni ti tiene con gli occhi incollati allo schermo mentre mette in scena il risveglio alla vita della creatura del dottor Frankenstein senza pronunciare una singola parola, semplicemente con i movimenti del proprio corpo.
L’ho detto, l’ho scoperto tardi. Ormai rimane un solo spettacolo, l’Amleto, che daranno qui, alla fine di gennaio e che spero proprio di riuscire ad andare a vedere.
Perché ecco, questo è ciò che vorrei vedere più spesso, non una miriade di film che non mi lasciano mai niente (sì, ogni tanto ci sta il film leggero, per rilassarsi, ma anche quello deve essere fatto bene per me, deve avere una trama), 
quanto qualcosa di bello, che mi coinvolga, mi appassioni e mi trasmetta qualcosa.
Alla fine del Frankenstein diversi aspetti, diverse tematiche toccate nella rappresentazione, mi si rincorrevano nella testa, compresi alcuni punti di vista che non avevo mai preso in considerazione rispetto a quel testo.


Ora chiudo qui e la smetto, ho fatto un papiro. 
Ma avevo voglia di fare due chiacchiere e di parlare di qualcosa che mi piace, intanto che sono ancora in vacanza e la frenesia lavorativa non ha ancora ripreso il sopravvento ;)
E voi, che ne pensate?
Avete visto qualcosa d’interessante, qualche consiglio o qualche critica rispetto ai miei pessimi gusti cinematografici? :)

Buon fine settimana!!!

4 commenti:

  1. Ti prego, parla di cinema anche in altri post! E' bellissimo! :D
    Il film di Stiller non ha convinto neanche me... l'ho trovato un po' lento e piatto quasi fino alla fine (si riscatta appena entra in scena Penn) e a parte la fotografia e i bei paesaggi mi aspettavo di più... mentre "Philomena" mi ha coinvolto e mi è piaciuto tanto, il regista ha dosato ironia e senso della misura e la sceneggiatura è quasi perfetta, per me... ma si sa, il cinema è soggettivo, infatti per scelta non faccio la critica e mi occupo di cronaca senza dare giudizi, perchè non sarei obiettiva e mi farei guidare dal lato emotivo... :-)
    Se vedo nuovi film interessanti te li segnalo, così mi dai il tuo parere... bello scambiarsi pensieri anche su questo! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace parlar di cinema, ma come avrai notato non sono affatto un'esperta!
      Anch'io mi aspettavo di più dal film di Stiller, mentre Philomena mi è piaciuto, ho solo avuto l'impressione di qualche stonatura, qua e là ...
      Aspetto i tuoi suggerimenti, allora, ci conto :)

      Elimina
  2. sono stata giusto oggi al cinema, dopo troppo troppo troppo tempo.
    siamo andati a vedere proprio lo hobbit.
    mio marito è un appassionato tolkeniano ed era rimasto molto deluso già dal primo, che avevamo visto a casa.
    non mi ha entusiasmata, ma devo dire che è un film che se visto, va visto al cinema: è una fortissima esperienza visiva, da luna park,che è l'unica cosa che questo film sa offrire.
    poi può piacere a chi più a chi meno, ma sta di fatto che si tratta di un certo tipo di prodotto cinematografico e risponde a certe scelte stilistiche e tecniche e strategie di mercato.
    detto ciò, quando è finito le mie parole sono state " ho bisogno di un truffaut..." ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono un'appassionata tolkeniana anch'io, è il motivo per cui non guardo questi film!
      E sì, anche a me hanno detto che se lo si vuole vedere è meglio farlo al cinema, per via della sua spettacolarità ... e sempre stando a quello che mi hanno detto, capisco la tua affermazione finale ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...