15 aprile 2013

Mi piace ... Hayao Miyazaky



Mi piacciono le fiabe, le favole.
Mi piacciono le storie, i racconti.
Mi piace chi sa raccontare e catturarmi nella sua narrazione.
Mi piace che sia un libro, ma anche una foto, una voce, un film, un cartone animato.
Mi piace la poesia dei lavori di Hayao Miyazaky.
Ma l'avevo già detto che sono un po' nerd :)
(o per lo meno, da quello che ho letto in rete, rientro abbastanza nella categoria).

L'immagine è tratta dal film Il castello errante di Howl

Conoscevo da tempo le sue produzioni maggiori,
Il castello errante di Howl, Ponyo sulla scogliera,
 La città incantata, Porco Rosso,
e di recente avevo visto altri lungometraggi dello studio Ghibli,
scritti da Miyazaky (come Arrietty o I sospiri del mio cuore). 


Mi piace la leggerezza, la semplicità con cui vengono narrate queste storie,
la delicatezza ed eleganza con cui affrontano i temi trattati,
mi piace il disegno e lo stile,
mi piace il rifiuto delle tecniche di animazione digitale, preferendo il più difficile,
ma molto più apprezzabile (anche da un punto di vista visivo) lavoro tradizionale del disegno.
Non che io sia contraria per principio all'animazione digitale (ci sono titoli in tal senso che apprezzo), ma la profondità e la vivezza del disegno dei personaggi, del colore e delle ombre, delle sfumature, è molto maggiore nella tecnica tradizionale
(proprio non sopporto i cartoni animati che vengono proposti ultimamente ai bambini: 
il disegno è senza spessore e i colori terribilmente falsi …
non mi stupisce che poi non sappiano stender il colore in altro modo che producendo un blocco cromatico uniforme e monolitico, senza soluzione di continuità con il resto del disegno).


Da un po' avevo deciso di vedermi tutta la filmografia di Miyazaky e finalmente ho pensato di cominciare con Il mio vicino Totoro.
Ne sono rimasta incantata.
Il tema della malattia della madre, caro all'autore proprio per la sua esperienza personale, è trattato con delicatezza e poesia,
il Giappone rurale dei primi anni '50 è reso magnificamente,
le presenze magiche, spiriti della natura della tradizione giapponese, appartengono in senso stretto a questa cultura eppure partecipano di un respiro universale che li rende semplicemente familiari. 


Del resto Miyazaky ha sempre affermato di amare la cultura occidentale e io non riesco proprio a togliermi dalla mente che il primo Totoro che Mei incontra,
bianco, paffuto e dalle orecchie a punta,
sia un parente stretto di quel Bianconiglio che Alice insegue nella sua tana. 


E, sempre a mio parere, le analogie non terminano qui perché Totoro scatena la curiosità della bambina tanto da farsi inseguire in un buco nella siepe
e il raggiungimento del "mondo altro", in questo caso quello in cui gli spiriti della natura che si credevano semplici favole per bambini sono invece reali e convivono accanto all'uomo,
avviene in seguito ad una caduta (la stessa sorella di Mei, quando dovrà raggiungere Totoro per chiedere aiuto, non farà la strada degli adulti, ma s'inoltrerà sotto la siepe e finirà col capitombolare prima di raggiungere la meta).
E potrei continuare anche con influenze "al contrario" (ho come l'impressione che il Gattobus possa essere stato lo spunto della Rowling per il Nottetempo …).

Tutte le immagini sono tratte dal film Il mio vicino Totoro

Sì, si tratta di una storia per bambini, ma come tutte le BELLE storie per bambini, è in realtà apprezzabilissima anche dagli adulti.
Il prossimo film della lista è Princess Mononoke,
fiaba sul conflittuale rapporto tra uomo e natura:
penso proprio che mi piacerà ;)

Buona settimana

P.S.: So che quello dei manga e degli anime non è forse un argomento molto interessante, ma sarà perché sono nata e cresciuta negli anni '80, 
sarà che da piccola ho fatto indigestione di cartoni animati giapponesi, 
sono un'appassionata di questi argomenti ;). Passavamo interi pomeriggi, una mia amica ed io, a riprodurre i nostri personaggi preferiti o a inventarne di nuovi in puro stile giapponese (teste sproporzionate rispetto al resto, occhi dai mille particolari, capelli talvolta dagli inusuali colori (l'amica di Mila aveva i capelli blu!)).

P.P.S.: Mi piace … potrebbe diventare una rubrica, vedremo …

14 commenti:

  1. Anch'io adoro Myazaki, mi ha insegnato il rispetto sacro verso la natura. Le sue atmosfere così delicate e la sua sensibilità ne fanno un vero maestro. Tutti i bambini dovrebbero venir sù a pane e Myazaki!
    Gabriella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gabriella,
      grazie e benvenuta!!!
      Sono completamente d'accordo con te ... infatti sto meditando di far vedere Totoro a scuola :)
      A presto

      Elimina
  2. Ciao, non conosco le storie di Myazaki, mi hai incuriosita....
    Bacioni
    Cristina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrai, se l'animazione giapponese tradizionale ti piace, ti piaceranno molto anche i suoi lavori!
      Un bacione

      Elimina
  3. Grazie di questo post... Non conoscevo le storie di Myazaki... Sempre mi e' piaciuto il manga e dopo il mio viaggio in Giappone ne sono una grande fan. Buona settimana dolcissima Francesca. PARENTESI: ( Grazie acora dei tuoi commenti sul mio blog... E' gia' la seconda volta che mi dici che sei una frana nel cucinare... Daaaaai, non imagino una ragazza bravissima come te essendo una frana nel NIENTE!!!!. UN BACIONE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora mi fa piacere averti suggerito questo autore, è bravissimo! Fammi sapere, se li guardi, quale film ti è piaciuto di più.
      Per quel che riguarda la cucina, con i dolci me la cavo (anche troppo, dice il mio punto vita ...), ma con il pesce in particolare sono davvero imbranata :(, ma grazie alle tue ricette proverò ancora a prepararlo ... ti farò sapere!
      Baci

      Elimina
  4. Che bello, si parla di cinema... :D
    Totoro è un mito!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, mi piace molto il cinema ... anche quello d'animazione :)
      A presto

      Elimina
  5. Che bello Pinco, dici che abbiamo anche la stessa età?!

    A me sono piaciuti moltissimo Totoro e Ponyo (la mia preferita), ma altri meno.. artisticamente li trovo immensi ma anche piuttosto ostici. Ti consiglio, in tema di animazione, i bellissimi di Michel Ocelot: Kiriku e la strega Karaba secondo me è bellissimo anche da far vedere a scuola.

    Un bacio,
    Lavinia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche tu nata e cresciuta negli anni '80? Che bello!!!
      Miyazaky mi piace moltissimo, ma mi hai incuriosito con questo autore, mi procurerò il film e lo vedrò sicuramente :)
      Un bacione

      Elimina
  6. Buon giorno Pincofifì, se ti va passa da noi, ti abbiamo assegnato un premio.
    Bacioni
    Cristina e Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ragazze!!!
      Arrivo subito :)

      Elimina
  7. Appassionatissimi di Miyazaki sia io che il mio ragazzo.. con una preferenza per Porco Rosso, che è ambientato dalle nostre parti. :) Un abbraccio dalla Svezia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piace tantissimo anche a me, anche se forse ora Totoro lo supera ;)
      Un abbraccio dalla finalmente primaverile Emilia!!!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...